Quando l’orso si arrampicò sulla Tower

La Devils Tower, si trova nel Wyoming, detto anche The Cow Boy State. Ma questo posto ha poco a che vedere con il mondo dell’Old Wild West. Si trova non lontano dal fiume Belle Fourche, e l’unica cittadina abbastanza vicina, Hulett, ha circa 400 abitanti. Siamo arrivati di sera, come sempre dopo una giornata molto intensa, provenendo dal Dakota del Sud. E come ogni sera, siamo consapevoli di quanto rischiamo lasciando la ricerca di un posto per dormire (negli Stati Uniti è vietato dormire in libera) alle ultime ore della sera. Ma anche oggi saremo fortunati, forse anche di più degli altri giorni.

Ma questo cono rovesciato e “spuntato” è veramente la torre del diavolo?

Pare che i primi nomi di questa conformazione dalla forma alquanto strana siano stati Bear Lodge, Bears Lodge, e Mato Teepee. Ma nel 1875 un tal Dodge, tenente colonnello che era stato incaricato di scortare una spedizione scientifica ai tempi in cui un tal Custer aveva messo in circolazione voci su fruttuose scoperte di filoni d’oro da quelle parti. Dodge riferì che gli indiani la chiamavano The Bad God’s Tower, ma probabilmente ci fu un errore e il nome Bear Lodge venne interpretato come Bad God’s, cui ne conseguiì Bad God’s Tower, che col tempo divenne Devils Tower.

La sua storia di sito protetto iniziò nel 1906, quando il presidente Roosevelt lo dichiarò primo sito naturale inserito nella lista dei monumenti nazionali.

Devils Tower, Wyoming

La Devils Tower riflessa sul finestrone del camper!

Sicuramente, origine del nome a parte, la Devils Tower era una zona sacra per molte tribù delle Pianure, e pare siano oltre venti le tribù che si sentono in qualche modo legate a questo monumento.

Chi ha dato questa forma alla Devils Tower?

Chissà quanti anni fa, una tribù indiana era accampata lungo il fiume (il Belle Fourche) che scorre nelle vicinanze. Sette sorelle e un fratellino giocavano tranquilli, quando, ad un certo punto, il fratellino si trasformò in orso. Le sette sorelle, per salvarsi, salirono su una roccia (ma una variante della leggenda parla di un albero). L’orso cresceva sempre più e la roccia non era poi così troppo più alta, non tanto da proteggerle. Così iniziarono a pregare il Grande Spirito, affinché le aiutasse a salvarsi. La roccia le udì piangere e cominciò a crescere sempre più, sempre più verso l’alto, mentre l’orso per arrampicarsi nel tentativo di raggiungerle, graffiò con le sue unghie i lati della roccia. Le sorelle arrivarono fin su al cielo, e divennero le sette stelle dell’Orsa Maggiore.

Di certo i geologi darebbero una spiegazione diversa, ma questa volta ci lasciamo trasportare dalla leggenda e lasciamo ai testi scientifici le altre teorie.

Una serata memorabile al Belle Fourche Campground

Come già detto, siamo arrivati nel tardissimo pomeriggio, mentre, ancora lontani, il sole stava tramontando. Anche se abbiamo fatto in tempo a godere di questo spettacolo.

Devils Tower, WyomingCi siamo accampati nel Belle Fourche Campground, gestito dal National Park Service: bellissimo. Ampie piazzole e, come sempre, tavolo con panche e firering. I servizi sono nuovissimi e pulitissimi, con prese per l’elettricità a disposizione. Come spesso succede, la registrazione si può far da sè a qualsiasi ora e, qui, anche l’acquisto della legna per il barbecue: si lasciano i soldi in una cassettina e si prendono i pezzi di legno necessari per il fuoco.

Ci siamo abbandonati in una serata a dir poco eccezionale: fuoco scoppiettante, cena a base di bistecche e pancetta, bruschetta con pomodori e s’more. Momenti memorabili e indimenticabili. Una delle cose che ci hanno colpito di più è stato il silenzio. Le piazzole erano quasi tutte occupate, tutti avevano il fuoco acceso, ma tutti parlavano a bassa voce.

Devils Tower, WyomingPronti per la Devils!

Al mattino una sorpresa da lasciar senza fiato: dalla piazzola si vede la Devils Tower, e così ci divertiamo a scattare foto al nostro camper “all’ombra della Devils”.

Devils Tower, WyomingUna bella colazione e, a malincuore, ci spostiamo per vedere il monumento da vicino.

Devils Tower, WyomingPoco prima dell’ingresso del Campground c’è una bella area pic-nic e, proprio di fronte, una scultura, The Circle of Sacred Smoke. Il cerchio del fumo sacro è simbolo di pace nel mondo, ed è opera dello scultore Junkyu Muto. La scultura è stata progettata per rafforzare nel visitatore il concetto e la consapevolezza dell’importanza della torre, sacra a più di venti tribù. Rappresenta la primo boccata di fumo da una pipa appena accesa e l’autore è lo stesso della, quasi simile, scultura che si trova a Castelgandolfo, presso l’eliporto della residenza papale, chiamata Circle Wind, il cerchio del vento.

Devils Tower, WyomingQui lasciamo il nostro secondo sasso destinato ad altri amici che verranno qui, ma anche stavolta non lo troveranno (come è successo per noi a Yellowstone). Nei dintorni scoiattoli e

Devils Tower, Wyoming, scoiattolocani della prateria: stupendi!

Devils Tower, Wyoming, cani della prateriaArriviamo fino al Visitor Center, dove c’è una piccola esposizione con la storia del monumento, un negozio di articoli vari e dove facciamo conoscenza con una simpatica signora di origini americane che vive in Spagna: anche lei è qui, oltreoceano, per una riunione di famiglia. Conversiamo un po’ e poi ci incamminiamo lungo il percorso “sacro”. D’obbligo fare silenzio, è un luogo di particolare importanza per alcune tribù e molti vengono a pregare e meditare.

Molti altri, non nativi, vengono per praticare il climbing (ci vuole un permesso) o l’hiking.

A guardarla bene …penso siano proprio unghiate di orso quelle ai lati della “torre” …

Utile sapere che

Ingresso: aperta tutto l’anno, giorno e notte, tranne il 25 dicembre e il 1 gennaio – il Visitor Center è aperto dalle 9 alle 16 – il ticket di ingresso è di 10 dollari a veicolo e permette libera circolazione da 1 a 7 giorni. In alternativa si può utilizzare l’Annual Pass
GPS: 44.589326, -104.700671
Contea: Crook
Per chi è in camper: Belle Fourche Campground (44.581695, -104.706691)
Quando andare?: le temperature medie mese per mese e le previsioni su weatherbase.
Importante: attenzione a non entrare mai in contatto con la fauna selvatica (avviso sui cani della prateria)

C'è ancora da leggere ...

Collect moments, not things!

Ultimi articoli

In Alabama, alla conquista dello spazio Siamo in Alabama, nel "profondo sud" degli Stati Uniti, uno stato molto noto per...
Presentazione del libro Versicolori carte del maes... Il 21 maggio 2019 alle ore 17.00, presso le Scuderie Estensi di Tivoli (P.zza Ga...
Farina fatta in casa: come e con quali vantaggi L’idea di acquistare un mulino “casalingo” è venuta all’improvviso, dopo aver le...
I murales raccontano: Vicksburg, Mississippi Quando il fiume Mississippi arriva in una delle tante curve che ne caratterizzan...
Ciambella alle mandorle Ancora una ricetta con il Mulino da casa Komo Fidibus XL, la torta di mandorle, ...

Privacy Policy

 
Cookie Policy

La mia passione per il Re:
Organizzare un viaggio in America
Come organizzare un viaggio nel nord America, passo dopo passo, e come programmarla al meglio

scopri di più ....

Un viaggio in camper in America: si può!
Guida alla programmazione, ai preparativi, all'on the road e tanti piccoli (e grandi) suggerimenti per viaggiare in camper in America

scopri di più ....

Viaggi in cerca di fiabe
I percorsi che ci hanno fatto sognare, raccontarli è come rivivere la fiaba: "VIAGGI IN CERCA DI FIABE"

scopri di più ....

A caccia di autori
Autore di numerosi libri tra cui "Il Segreto delle tre Ottave", "Lo scienziato del tempio", "Arcimboldo", fino ad arrivare all'ultimo capolavoro che uscirà il prossimo agosto; "Storia dell'architettura sottile"

Un autore tutto da scoprire! Basta un clic!!!

Follow me
Contatori visite gratuiti