In camper in America: i 10 fondamentali

Tante indicazioni e tanti consigli negli articoli su come organizzare un viaggio in camper nel Nord America. Tante (forse troppe?) cose da ricordare per chi è alla prima esperienza. E allora, come riassumerle? Semplice: la giornata-tipo del camperista oltreoceano.

Ecco la nostra esperienza: un giorno con noi come american rvers!

Cominciamo dal mattino o dalla sera? Facciamo dall’ora di pranzo! Non per essere out of the box, ma solo perchè in genere l’RV si ritira ad inizio giornata e quindi il primo giorno inizia da qui. Ci hanno appena consegnato la nostra casetta viaggiante e, agganciato il navigatore, si programma la prima destinazione. Go!

American road

American road

1) Attenzione innanzitutto ai limiti di velocità: in Canada sono indicati in chilometri, negli Stati Uniti in miglia: c’è un bel po’ di differenza!

2) Il mezzo viene consegnato con il pieno di benzina, di propano (per il forno e il frigo) e di acque chiare. I serbatoi delle acque grigie e nere sono ovviamente vuoti. Ma quando avremo bisogno di carburante? Ecco, i camper americani sono quasi sempre alimentati a benzina. L’agenzia di noleggio ci ha consigliato il “gas” a prezzo più basso, per chiamarla con il suo nome la regular. Ma come si fa? Si arriva al distributore, si sceglie la postazione, e o si paga con la carta di credito (ma a noi alla pompa non ha MAI funzionato) oppure si annota il numero, si va in cassa, si paga e si torna a riempire il serbatoio. Se il serbatoio si è riempito prima dell’uso completo del quantitativo di carburante pagato? No problem, si torna in cassa dove viene restituita la differenza. Mi raccomando, lì (cioè qui in America) per gas si intende la benzina (gas è l’abbreviazione di gasoline), il gas come lo intendiamo noi è chiamato propane, evitiamo di confonderli!

distributore3) Un rito durante la sosta per il carburante è quello di uscire sempre dal negozio con almeno le bibite fresche negli enormi bicchieroni con tanto di tappo e cannuccia da posizionare negli alloggi sempre presenti davanti al cruscotto e da sorseggiare viaggiando, o, se mattina, con un Coffee to go. I distributori li abbiamo trovati aperti sempre, alle cinque di mattina come all’una di notte. E annesso anche al più piccolo e isolato, c’è sempre un market/emporio con tanto di bevande fredde/calde, cibi salati e dolci, sia freschi che imbustati e molto altro. Utilissimi se non si ha tempo di cucinare o non si è riusciti a rifornire la cambusa del camper. Spesso nel negozio si trova anche un microonde e un lavandino attrezzato. Se si acquistano cibi disidratati (quasi mi sembra di vedere la smorfia di disapprovazione di chi legge, ma per dovere di cronaca devo citarli!) si possono preparare aggiungendo acqua già bollente dal rubinetto dedicato. Molto di frequente ho visto anche l’angolo farmacia, con medicinali del tipo “da banco” che non necessitano di prescrizione medica.

Uno degli ottimi empori annessi ai distributori (questo è della catena Loves')

Uno degli ottimi empori annessi ai distributori (questo è della catena Loves’)

In alcuni, poi, ci si trova anche il fast-food, gestito dalle più note catene presenti in tutto il paese, come ad esempio 7eleven, con tanto di tavoli per sedersi. Ma vi si trovano anche souvernirs, accessori per auto, abbigliamento …

distributore2

Da sinistra: rubinetto di acqua bollente per preparazione istantanea di “noodles”, un mezzo di full timer parcheggiato al Loves’, il tavolo di 7eleven

Ma se non si hanno i tavoli, che problema c’è per dei veri rvers? Si usa il tavolo del camper!

Spuntino take away comprato al distributore

Spuntino take away comprato al distributore

4) Il primo giorno di viaggio si hanno sicuramente alle spalle tante ore in aereo, poche ore di sonno durante la notte (ricordo che è obbligatoria per chi arriva con voli intercontinentali, una notte di soggiorno in hotel prima del ritiro), un po’ di tensione dovuta all’emozione e all’ansia di non ricordare tutto quello che c’è da sapere sulla gestione del camper, per certi versi diverso dai nostri. E allora, perchè non rilassarci un po’ e fermarci per la spesa? La scelta e l’assortimento davvero non mancano. Piccole (si fa per dire) grocery a parte, un’esperienza cui non si può rinunciare è quella del girovagare con il carrello tra i grandi corridoi di catene di distribuzione come Walmart (alla Walgreen non ci siamo invece trovati molto bene). Naturalmente non vendono solo generi alimentari, ma (quasi) ogni cosa di cui si può aver bisogno. La Walmart negli Stati Uniti l’abbiamo trovata sempre aperta 24/24 e 7/7, anche nelle località più lontane dalle grandi metropoli. Mentre in Canada l’orario è di solito dalle 7 alle 23. All’interno sempre a disposizioni dei clienti e non, grandi rest-room.

Spesa alla Walmart di Cody (WY)

Spesa alla Walmart di Cody (WY)

5) I kit che vengono assegnati ad ogni camper comprendono l’essenziale e sono molto utili, ma a volte possono essere non compresi con il noleggio oppure li abbiamo, si ha necessità di tante piccole cose d’uso quotidiano che potrebbero tornare utili. Ci sono delle catene che a prezzi bassissimi vendono dituttounpo’. Sto parlando di punti vendita come FamilyDollar (8.100 negozi negli Stati Uniti), DollarTree (tutto a un dollaro, si trova sia in USA che in Canada), DollarGeneral (in 40 stati USA),  Dollarama (Canada), 99cent etc. Noi abbiamo comprato di tutto di più: decorazioni patriottiche (eravamo a ridosso del 4 luglio), carta forno, sacchettini per alimenti, padelline antiaderenti per fare la frittata (!), delle pinze per alimenti, prodotti per la pulizia della “casa”, spugnette, guanti di gomma, una teglia da forno, etc.

6) Ad un certo punto, c’è da scommetterci, noi italiani questa frase la tiriamo fuori: ci vorrebbe un bel piatto di spaghetti! Nessun problema, si trova pasta (anche Barilla) nei supermercati, come si trovano i pelati e l’olio di oliva (qui i prezzi salgono un po’ rispetto all’Italia). Nel camper l’angolo cottura è perfetto: fornelli con un forno a gas e uno a microonde (che naturalmente funziona solo se si è attaccati alla corrente o se si ha il generatore). Insomma, per tutte le evenienze e tutti i gusti. Noi abbiamo sperimentato anche i Macaroni and Cheese surgelati e riscaldati nel forno, non male! Anche il frigo è sempre grande, con capiente sportello congelatore. Concludendo: di certo non si morirà di fame, neanche in mezzo al deserto!

7) Arriva il momento del camper service, o carico/scarico. In America gli impianti preposti si chiamano Dump Station. Se non si è avuta possibilità di effettuare tali operazioni in campeggio, si potrà provvedere a cercarle nelle località che attraverseremo. Ecco alcuni siti utili per cercare l’esatta localizzazione delle Dump Stations: RVDumpStation, RV Dumps, Sanidumps. Il nostro motorhome aveva un doppio serbatoio di scarico: 70 litri di acque grigie e 70 litri di acque scure da scaricare con grandi tubi da agganciare all’attacco laterale e inserire, dall’altro lato, al foro a terra della stazione di scarico.

Dump station e operazioni di carico/scarico

Dump station e operazioni di carico/scarico

8) Dobbiamo proprio ammetterlo, visitare i parchi USA (e Canada) in camper ha tutto un altro fascino. Ci si resterebbe per sempre in quelle spaziose piazzole, con barbecue e grandi tavoli con panche che completano la perfetta cornice dell’abitar viaggiando. Non si può chiedere di meglio se si vuole vivere appieno una vacanza tra i parchi più belli del mondo. Un’idea, non solo per chi viaggia in camper, per girovagare senza limiti: America the Beautiful – The National Parks and Federal Recreational Lands Pass. Nei Parchi Nazionali (National Park) e nei Monumenti Nazionali è possibile acquistarla al prezzo di 80 dollari e si ha libero ingresso per un anno in tutte le strutture. Può essere utilizzata anche in altri viaggi e le firme da apporre sono due, così si può condividere con un’altra famiglia (ovviamente in tempi diversi). Nei parchi è bene entrare con il serbatoio pieno di carburante e informarsi sempre sulla possibilità di rifornirsi e sugli orari di apertura dei distributori.

9) E per restare connessi con il resto del mondo? Noi avendo Vodafone come gestore telefonico, abbiamo attivato Smart Passport: solo tre euro (per Canada e USA fino a settembre 2015) e ci si può connettere senza limiti per 24 ore (più chiamate voce e sms limitati, facendo attenzione all’orario di attivazione perchè si intende da mezzanotte a mezzanotte ora italiana). In realtà l’abbiamo usata pochissimo. Sia perchè nei Parchi spesso non c’era campo, sia perchè la wifi l’abbiamo trovata quasi ovunque. Ci siamo collegati per lo più dai McDonald’s (seguendo il link si possono cercare e sapere in anticipo quali sono i punti vendita con wifi), Wendy’s, KFC, centri commerciali, uffici turistici, locali etc

10) Arriva la sera. Dove si dorme? Teniamo presente che negli USA e in Canada, è assolutamente vietato pernottare al di fuori delle aree di sosta esplicitamente autorizzate. Il pernottamento (overnight) libero è vietato dalla legge. Molti stati lo tollerano nelle Rest Area, ma è buona norma chiedere sempre alla Polizia. Solo nelle catene Walmart e Cabelas a volte è permesso l’overnight dei veicoli ricreazionali. Una dettagliata panoramica delle possibilità di sosta notturna (e diurna naturalmente) l’ho illustrata in questo post. Tengo a precisare che il più delle volte nei campeggi è prevista la self-registration, si fa tutto da soli. Si cerca la piazzola, si scrivono i dati sulla busta e sul tagliandino che si apporrà in vista vicino al numero della piazzola, si mettono i soldi nella busta che verrà quindi inserita nell’apposita cassettina. Se è prevista la prenotazione, sempre nella bacheca dove si trova tutto l’occorrente per la registrazione, si trovano anche i numeri delle piazzole con a fianco il nome di chi le ha prenotate. Più semplice di così!

Piazzola con busta per auto registrazione nei campground

Piazzola con busta per auto registrazione nei campground

 

Racconti di viaggio – suggerimenti

– i miei post (pochissimi perchè ancora under construction) sul mio on the road nella Real America in camper

– lo straordinario blog della straordinaria Cristina e della sua meravigliosa famiglia: nonno e nonna, mamma e papà e due bellissimi bimbi on the road per due mesi e mezzo negli States con un mega camper! Un blog nato giorno dopo giorno durante il percorso, un’esperienza vissuta con passione e raccontata con il cuore. Grazie Cristina per aver condiviso questa straordinaria avventura e grazie per tutti i preziosi suggerimenti. Ed ecco il blog: 6redsontheroad

C'è ancora da leggere ...

Collect moments, not things!

Ultimi articoli

Lewis e Clark: imbarchiamoci per un grande viaggio Imbarchiamoci per un grande viaggio era una serie di cartoni TV che raccontava d...
Kaltenberger Ritterturnier: il torneo cavalleresco... Il Castello di Kaltenber: il proprietario del castello e del parco che lo circon...
Friedberger Zeit, i tempi d’oro di Friedberg La Romantische Straße è uno dei percorsi a tema più famosi e amati dai turisti c...
Il Wallenstein di Memmingen 2016: sarà di nuovo Wallenstein! Un grandioso evento, una rievocazione unica che...
Eggs Benedict: un piatto, una storia Una delle pietanze d'eccellenza dei brunch, e in un brunch che si rispetti si tr...
Parliamone!
La mia passione per il Re:
Organizzare un viaggio in America
Come organizzare un viaggio nel nord America, passo dopo passo, e come programmarla al meglio

scopri di più ....

Un viaggio in camper in America: si può!
Guida alla programmazione, ai preparativi, all'on the road e tanti piccoli (e grandi) suggerimenti per viaggiare in camper in America

scopri di più ....

Viaggi in cerca di fiabe
I percorsi che ci hanno fatto sognare, raccontarli è come rivivere la fiaba: "VIAGGI IN CERCA DI FIABE"

scopri di più ....

Storify: facciamo storytelling!
Un racconto di un giorno, un evento o un riassunto di tanti anni: pezzettini di web per costruire una storia, reale o logica che sia.

scopri di più ....

A caccia di autori
Autore di numerosi libri tra cui "Il Segreto delle tre Ottave", "Lo scienziato del tempio", "Arcimboldo", fino ad arrivare all'ultimo capolavoro che uscirà il prossimo agosto; "Storia dell'architettura sottile"

Un autore tutto da scoprire! Basta un clic!!!

Follow me
Viaggi in camper su Google+
Kiala viaggi - Il Blog su Google+
Let's be instagram friends!

My Instagram latest photos

    Contatori visite gratuiti