Yellowstone delle meraviglie 1

Dopo essere stati a Livingston, decidiamo di entrare a Yellowstone da nord, dall’ingresso vicino la cittadina di Gardiner, dove nel negozio di Francesca – italiana che vive negli States da tantissimo –  Outwest T’s, ho comprato una singolare t-shirt dove è ben impressa la frase “don’t feed the bears”.

bears

Il Roosevelt gate è interdetto al traffico per lavori in corso: sono i preparativi per il 2016, anno in cui si festeggiano i 100 anni del servizio di gestione dei parchi nazionali, il National Park Service, che cadrà esattamente il 25 agosto 2016. Per chi volesse partecipare a questo storico evento troverà tutte le informazioni qui.

John Colter, il primo vero mountain man, inteso come primo vero uomo di frontiera. Un personaggio singolare ingiustamente dimenticato dal cinema, dai racconti, dai libri. Il primo trapper della storia americana, il primo uomo bianco che si addentrò in una delle zone più belle del mondo: il territorio dell’attuale parco di Yellowstone!

Chi era John Colter

Aveva partecipato alla spedizione di Lewis e Clark e sapeva trattare con i nativi, pacifici o guerrieri. Un giorno del lontano 1807, mentre si aggirava nei pressi dell’attuale Shoshone River, un fiume allora chiamato Stinking Water, arrivò in un posto impressionante, tanto che

… fece un simile racconto dei suoi oscuri terrori, i suoi fuochi nascosti, gli abissi fumanti, le correnti nocive, il tutto esalante odore di zolfo, tanto che gli venne dato e conserva da allora fra i cacciatori, il nome di “Inferno di Colter”

“The Adventures of Captain Bonneville” – Washington Irving – New York, 1843

I primati dello Yellowstone

Molti furono gli scettici all’epoca. Ma alla fine tutti dovettero ricredersi e nel 1872,  qualche decennio dopo la morte di Colter, venne istituito lo Yellowstone National Park!

  • il primo parco nazionale della nascente confederazione
  • la più grande riserva naturale degli Stati Uniti
  • il più antico parco nazionale del mondo
  • la più alta concentrazione mondiale di geyser
  • una fauna straordinaria: orso, bisonte, coyote, cervo wapiti, lupo
  • iscritto alla lista UNESCO dal 1978

Cosa posso aggiungere se non condividere queste foto che mai renderanno giustizia alla reale bellezza di questo paradiso, sicuramente unico al mondo. Impossibile stilare una classifica di gradimento: ogni scorcio è unico e diverso ad ogni sguardo. Quello che segue è solo il nostro percorso in ordine di tempo nei quasi tre giorni di permanenza nel parco.

Ed eccoci pronti: l’emozione è infinita e la prima sosta ci lascia senza parole. Le terrazze di travertino del Mammoth Hot Spring (6:10 pm): uno dei fenomeni più stupefacenti mai visti! Le varietà di colore sono sorprendenti: il bianco con il marroncino, l’arancio, il giallo e il rossiccio in mille sfumature, e, a contrasto, il verde dei boschi sui monti che circondano l’area; incornicia questo meraviglioso quadro l’azzurro intenso del cielo.

 

Mammoth Hot Springs, Yellowstone

Iniziamo a scendere verso sud e arriviamo al Porcelain Basin Trail (20:30 pm)

PorcelainBasin

poi al Beryl Spring (9:05 pm)

BerylSpring

Al Beryl Spring avevamo un appuntamento speciale: un gioco iniziato con una splendida famiglia composta da nonni, genitori e due bimbi. Durante il loro viaggio on the road in camper, ci avevano lasciato un sasso decorato proprio qui e lo avevano nascosto con molta cura …ma un orsetto, visto il cuore che avevano disegnato, deve averlo preso per regalarlo alla sua orsetta!

sasso
Per la notte ci fermiamo poco fuori la cittadina di West Yellowstone, al Baker’s Hole Campground, dove arriviamo alle 22 circa

campground west yellowstone
Al mattino un’ottima colazione circondati  solo da natura! Non vorrei mai lasciare le piazzole dei campgound: fire ring, tavolo con panche, tanto spazio …e qui avevamo anche l’allaccio elettrico!

Lunedì 22 giugno, si parte da West Yellowstone (10:30 am), con il percorso storico “Seguendo le impronte dell’orso”

West Yellowstone

West Yellowstone, seguendo le impronte dell’orso

e si pranza nel tipico Buckaroo Bill’s BBQ Grill: i tavoli sono praticamente delle carrozze e al centro della sala la fauna del posto. Mangiamo benissimo: hamburger di bisonte, di alce e di manzo con contorno di patate – in vari modi – e insalata.

west yellowstone pranzoDopo il pranzo si riparte: entriamo di nuovo nel parco (il campground e la cittadina di West Yellowstone sono fuori dall’area protetta)

ingresso ovest

Ripartiamo con la Fountain Paint Pot (2:10 pm) – mezzo miglio di percorso sulle passerelle e siamo in una delle aree idrotermali più complesse e dinamiche di Yellowstone: geyser, sorgenti termali, fumarole e pozze di fango. Ma soprattutto pozze di fango in ebollizione!

fountain paint pot
Bacteria Mat (2:30 pm)

bacteriamat

Arriviamo quindi nell’area detta Midway Gayser Basin (3:00 pm)

Excelsior Geyser Crater

exgeyscrat

E finalmente siamo alla Grand Prismatic Spring: uno dei panorami più noti del parco. Nonostante fossi preparata, la visione è superlativa: penso che siano pochi gli spettacoli naturali simili: un’esplosione di colore!!!

grand prismatic 2

grand 2200

Grand Prismatic Spring: panorama (clic per ingrandire)

Il percorso fa avvicinare molto all’enorme fenomeno naturale, e per fotografare al meglio è preferibile spostarsi un miglio avanti (il parcheggio è interdetto ai camper, che devono restare lungo la strada) e percorrere una parte del Fairy Falls Trail. Si avrà una vista spettacolare dall’alto del Grand Prismatic Spring e si potranno fare bellissime fotografie panoramiche. (3:30 pm)

grand prismatic

Grand Prismatic vista dal Fairy Falls Trail

Fermata successiva al Biscuit Basin, conosciuto per essere molto imprevedibile: nel 1959 un terremoto di magnitudo 7.5 della scala Richter si verificò non lontano da qui e, qualche giorno più tardi, la Sapphire Pool cominciò ad eruttare violentemente, spazzando via enormi rocce che circondavano il cratere.  (4:00 pm)

sapphire pool
E in questa area troviamo sorgenti calde con sfumature color arancio e verde, come il Sunset Lake e la Emerald Pool al Black Sand Basin  (5:00 pm)

emerald pool

SEGUE …

 

C'è ancora da leggere ...

Collect moments, not things!

Ultimi articoli

Presentazione del libro Versicolori carte del maes... Il 21 maggio 2019 alle ore 17.00, presso le Scuderie Estensi di Tivoli (P.zza Ga...
Farina fatta in casa: come e con quali vantaggi L’idea di acquistare un mulino “casalingo” è venuta all’improvviso, dopo aver le...
I murales raccontano: Vicksburg, Mississippi Quando il fiume Mississippi arriva in una delle tante curve che ne caratterizzan...
Ciambella alle mandorle Ancora una ricetta con il Mulino da casa Komo Fidibus XL, la torta di mandorle, ...
Welcome to Israel Tel Aviv e non solo: un viaggio pensato non molto, capitato all'improvviso e org...

Privacy Policy

 
Cookie Policy

La mia passione per il Re:
Organizzare un viaggio in America
Come organizzare un viaggio nel nord America, passo dopo passo, e come programmarla al meglio

scopri di più ....

Un viaggio in camper in America: si può!
Guida alla programmazione, ai preparativi, all'on the road e tanti piccoli (e grandi) suggerimenti per viaggiare in camper in America

scopri di più ....

Viaggi in cerca di fiabe
I percorsi che ci hanno fatto sognare, raccontarli è come rivivere la fiaba: "VIAGGI IN CERCA DI FIABE"

scopri di più ....

A caccia di autori
Autore di numerosi libri tra cui "Il Segreto delle tre Ottave", "Lo scienziato del tempio", "Arcimboldo", fino ad arrivare all'ultimo capolavoro che uscirà il prossimo agosto; "Storia dell'architettura sottile"

Un autore tutto da scoprire! Basta un clic!!!

Follow me
Contatori visite gratuiti