in America …tanto street food!

Spesso le lunghe distanze riducono necessariamente il tempo ai pasti. Questo non vale solo per i turisti: mangiare on the road, che sia cibo da asporto o che sia un pasto “al volo”, è tipicamente american style!

I fast food, quei posti dove “si mangia svelto, sembrano accompagnare ogni viaggio: basta attraversare una piccola località ed eccoli spuntar fuori, ai lati della strada, con i loro grandi parcheggi e le salette essenziali, a volte arredate un po’ in stile Happy Days! Non ho mai visto troppo affollati i tavoli, ma ho spesso visto lunghe file dove c’è possibilità di usufruire del  drive-through, a volte chiamato anche drive-thru. Il drive-thru è un quel servizio che consente ai clienti di acquistare prodotti senza lasciare la propria auto.
La maggior parte del cibo da strada americano viene definito junk food, cibo spazzatura, ma per qualche giorno di vacanza ci si può senz’altro concedere qualche strappo alla regola.

Spuntino take away comprato al distributore

Spuntino take away comprato al distributore

Un’alternativa sono, quando si è di fretta, le stazioni di servizio, che abbiamo trovato sempre aperte, alle cinque di mattina come all’una di notte, e dove non manca mai un market/emporio con tanto di bevande fredde/calde, cibi salati e dolci, sia freschi che imbustati, e molto altro. Spesso nel negozio si trovano anche un angolo-cucina con microonde e lavandino. Se ci si lascia andare (!) ai cibi disidratati, si possono preparare in un istante.

I "tornados" ai vari gusti in vendita nei "fast food" delle stazioni di servizio

Hamburger, HotDog e Tornados ai vari gusti in vendita nei “fast food” delle stazioni di servizio

Ma passiamo allo street food.
A sentir pronunciare la parola Hamburger penso subito a quell’inconfondibile profumo di carne trita cotta alla griglia, con l’immancabile “rinforzo” di insalata, pomodori, cipolle, sottaceti o formaggio, ma anche con uova, pancetta, japalenos, patate fritte, anelli di cipolla. Si può trovare nei menù anche con il nome di burger beef o semplicemente burger, se accompagnato da una fettina di formaggio viene chiamato cheeseburger. Inutile negarlo, la carne negli USA ha un altro sapore! Mai dimenticherò un hamburger mangiato per caso durante una festa scoperta altrettanto casualmente. Ci eravamo avvicinati incuriositi a quella che sembrava una celebrazione di chissà cosa. C’era l’annuale festa ai ragazzi diplomati, offerto da una banca locale. Gli abitanti ci invitarono a mangiare l’hamburger con insistenza, ci dissero di non perderlo: era carne proveniente da uno dei migliori ranch della zona. Senza alcun dubbio, era eccezionalmente gustoso!

Hamburger Lander

Ottimo hamburger di autentico beef dal ranch (Lander, WY)

Ritornando agli hamburger, per completare lo snack, che in realtà è un vero e proprio pasto, le salse più usate sono maionese, senape, salsa barbecue e ketchup.

Per esperienza posso dire che gli hamburger si potrebbero suddividere tra quelli venduti nelle catene di fast food, e quelli venduti in ristoranti o in rivendite dove vengono preparati all’istante.

Per chi ha già gironzolato negli States, non sarà una novità sentir parlare di hamburger di alce, di bisonte, di tacchino e di altri tipi di carne, accostato agli ingredienti più strambi o più semplici. Una catena che si colloca sempre ai primi posti delle classifiche dei ristoranti di Tripadvisor, è In-NOut Burger. Non l’abbiamo mai provato ma pare sia più che raccomandabile.

Hamburger and fries

Hamburger and fries!

Altro “panino” di fama mondiale, ma legato molto alla tradizione americana, è l’Hot dog. Importato dalla Germania, si è diffuso rapidamente nella gastronomia americana, accompagnato con cipolle e crauti e condito con salse, dalle classiche alle più originali.

Hot DogUna catena che abbiamo usato varie volte è quella del KFC, il Kentucky Fried Chicken, pollo fritto del Kentucky. È uno dei take-away preferiti dalla figliola e devo ammettere che lo preferisco alle catene dove si vendono solo hamburger. Nei KFC, come in molte altre catene, è d’uso il refill: acquistando la bibita poi il bicchiere si può riempire di nuovo per un numero illimitato di volte.

KFC - take away!

KFC – take away!

E come non citare le patatine fritte? Qui si chiamano French-fried potatoes! Ma si usano anche con le abbreviazioni French fries, chips o semplicemente fries. Anche queste si trovano in varianti impensabili: dalla forma al condimento, alla cottura. Naturalmente vengono servite e accompagnate con ketchup, maionese, aceto, salsa barbecue o altre salse.

Oltre a fare da contorno indiscutibile agli hamburger, le patatine fritte accompagnano anche il pesce, nel famoso Fish & chips, servite in un cartoccio di carta paglia o di cartone, da gustare camminando.

Qualcosa di insolito

Un’originale pietanza (noi l’abbiamo consumata in loco ma si può anche mangiar passeggiando) che abbiamo molto apprezzato a Sedona? Il cactus fritto!

Cactus fritto a Sedona

Cactus fritto a Sedona

I dolci

Riguardo i dolci si potrebbe scrivere e riscrivere e non basterebbe mai! Quelli che preferisco mangiare on the road, con il bicchierone di caffè bollente, sono senza dubbio Muffins e Donuts.

Per chi ha la fortuna di andare a Los Angeles, consiglio di non perdersi il chiosco di Randy, bello da vedere e pieno di ottimi Donuts ai gusti più strani.

Randy’s DonutsLos Angeles Donuts si trova al 805 West Manchester Blvd di Inglewood, a sole tre miglia dall’aeroporto internazionale di Los Angeles (LAX).

randys donuts

Randy’s Donuts, a Los Angeles

Chissà quale sarà la vera origine del nome Cupcake. Due sono le teorie sull’origine del nome (che in italiano potrebbe essere tradotto con “torta/tazza”):

  • il tipo di unità di misura statunitense utilizzato per dosare gli ingredienti, cup (tazza)
  • i contenitori in cui venivano cotti erano delle tazze, usate per porzionare le tortine e/o facilitarne la cottura rispetto ai grandi contenitori delle classiche torte

Quale sarà vero? Chissà! Di certo sappiamo che ormai hanno un posto d’onore nella piccola pasticceria. Sono diffusi molto anche in Italia, tanto che nei supermercati spesso si trovano i preparati da usare per una facile e sicura riuscita. Dove se ne vedono di tutti i colori, ed è proprio il caso di usare tale termine, è negli Stati Uniti. Gusti impensabili e accostamenti di colori nati dalla fantasia dei mastri pasticceri, ce li fanno ammirare nei grandi supermercati come nelle pasticcerie specializzate. Come non citare la golosa vetrina del boss delle torte? La catena che porta il suo nome ha ormai sedi nelle città più frequentate degli Stati Uniti. Noi gli abbiamo fatto una visitina a Las Vegas!

Cupcakes nel negozio del Boss delle torte

Cupcakes nel negozio del Boss delle torte

E come non condividere la foto di questi Cupcakes patriottici? A ridosso di una delle feste più sentite dagli statunitensi, il 4 luglio, le vetrine erano cariche dei colori della bandiera …e alla Walmart c’era questo!

Cupcakes 4 luglioConoscevo da sempre dei dolcetti che venivano cotti facendo colare l’impasto tra due piastre arroventate sul fuoco e con gli interni in rilievo così da imprimere la decorazione alle cialde. Questi dolci, chiamate ferratelle, risultavano piuttosto sottili e duri. In America li abbiamo riscoperti, anche se diversi nella consistenza e nel modo di gustarli. I Waffles, così vengono chiamati i dolci usati soprattutto a colazione, risultano molto più alti rispetto alle ferratelle e molto più morbidi, in più vengono serviti accompagnato o da sciroppo d’acero, praticamente un classico, o da molti altre golose salse (cioccolato, panna, etc), ma anche da frutta, secca o fresca.

wafflesHo trovato davvero ottimi quelli fatti dalla mia cara cugina Linda, tanto che le ho rubato la ricetta! Trovate tutte le spiegazioni in questa pagina.

waffleL’on the road in America non può definirsi tale se non si viaggia con i soliti grandi bicchieroni di caffè o di bibita. Non esiste auto o camper che non sia predisposto per il trasporto di almeno due bicchieroni.

Bibite on the road

Bibite on the road

C’è da sapere dell’altro sul cibo da strada, ma se avete avuto modo di apprezzare specialità non citate, potete completare questa pagina con i vostri suggerimenti lasciando un commento.

 

 

C'è ancora da leggere ...

Collect moments, not things!

Ultimi articoli

Presentazione del libro Versicolori carte del maes... Il 21 maggio 2019 alle ore 17.00, presso le Scuderie Estensi di Tivoli (P.zza Ga...
Farina fatta in casa: come e con quali vantaggi L’idea di acquistare un mulino “casalingo” è venuta all’improvviso, dopo aver le...
I murales raccontano: Vicksburg, Mississippi Quando il fiume Mississippi arriva in una delle tante curve che ne caratterizzan...
Ciambella alle mandorle Ancora una ricetta con il Mulino da casa Komo Fidibus XL, la torta di mandorle, ...
Welcome to Israel Tel Aviv e non solo: un viaggio pensato non molto, capitato all'improvviso e org...

Privacy Policy

 
Cookie Policy

La mia passione per il Re:
Organizzare un viaggio in America
Come organizzare un viaggio nel nord America, passo dopo passo, e come programmarla al meglio

scopri di più ....

Un viaggio in camper in America: si può!
Guida alla programmazione, ai preparativi, all'on the road e tanti piccoli (e grandi) suggerimenti per viaggiare in camper in America

scopri di più ....

Viaggi in cerca di fiabe
I percorsi che ci hanno fatto sognare, raccontarli è come rivivere la fiaba: "VIAGGI IN CERCA DI FIABE"

scopri di più ....

A caccia di autori
Autore di numerosi libri tra cui "Il Segreto delle tre Ottave", "Lo scienziato del tempio", "Arcimboldo", fino ad arrivare all'ultimo capolavoro che uscirà il prossimo agosto; "Storia dell'architettura sottile"

Un autore tutto da scoprire! Basta un clic!!!

Follow me
Contatori visite gratuiti