#‎sensomieiviaggi‬, le cortesie dei miei viaggi

Avevo sentito parlare dell’iniziativa #‎sensomieiviaggi‬, ma era in uno di quei momenti in cui si è travolti da mille altri pensieri …e così, ammetto, mi era passato di mente. Poi mi si ripresenta davanti, incredibilimente, proprio mentre ho sulla tv il video di uno dei miei tanti viaggi. Tv e internet contemporaneamente, ormai è – quasi – sempre così. Mentre passano le immagini accompagnate dall’immancabile musica, aggiorno la pagina facebook e mi compare il post della pagina del blog di Francesca Cioccoloni “Non chiamatemi turista“. Incuriosita vado a sbirciare, già perchè leggere #‎sensomieiviaggi‬ richiama la mia attenzione in un periodo in cui sto veramente molto riflettendo al senso dei viaggi in generale.

Tornando a noi, apro la pagina relativa all’iniziativa e – incredibile!!! – leggo che il nuovo tema è “Le cortesie dei miei viaggi”: non credo ai miei occhi! Il tema coincide perfettamente con il viaggio che in quel momento sto rivedendo e rivivendo nel mio vecchio video…

Smetto di leggere il post e mi incanto per qualche secondo. Mi torna in mente un episodio, poi un altro e un altro ancora: tre episodi indicabili, da non dimenticare!

Qualche anno fa, nonostante gli anni da camperisti alle spalle, non avevamo mai ancora oltrepassato lo stretto di Messina: sembra incredibile ma non eravamo mai stati ancora in Sicilia. Una regione che sembrava così lontana, e forse così “fuori mano”. Poi un bel giorno, continuando la tradizione che vive da anni, vengono a visitarci i  nostri amici belgi, di ritorno poprio da un viaggio in Sicilia. Ce ne parlano con così tanto entusiasmo che un mese dopo siamo già sulla famosa Salerno-Reggio Calabria! La prima esperienza con il nostro camper sul traghetto, i nostri primi arancini “veri” e la nostra avventura ha inizio.

Come sempre abbiamo un bel po’ di materiale con noi, altro lo recupereremo negli uffici turistici o, meglio ancora, chiacchierando con le persone che incontriamo. La Sicilia è meravigliosa, una di quelle regioni di cui non ci si può non innamorare. Non ci aspettavamo tanto: i colori intensi, i sapori unici e indimenticabili, l’ospitalità quasi inverosimile dei suoi abitanti. In sei mesi ci abbiamo trascorso ben tre vacanze, e questo penso possa bastare per descrivere la nostra passione per questa terra.

caltabellotta

Caltabellotta

Giugno 2010, il nostro primo viaggio inizia da Castelmola, e qui troviamo da qualche parte un piccolo opuscolo che parla di uno di quei paesi che forse non gode di notorietà come altri, ma che a noi è piaciuto tantissimo, Caltabellotta, in provincia di Agrigento sui monti Sicani. Ci incuriosisce e lo inseriamo nel programma. È uno dei più antichi borghi siciliani, si trova a circa mille metri di altitudine e conserva memoria di un lungo passato che ha lasciato numerose testimonianze. Arriviamo di sera, è tardissimo. Nel pomeriggio ci eravamo fermati – un po’ troppo forse – nei pressi della Scala dei Turchi, un monumento naturale tra i più belli mai visti. Per arrivare al paese la strada è piena di curve e impieghiamo un bel po’ per salire. Insomma, giungiamo a destinazione col buio, tardissimo e senza un riferimento sulla sosta! E la sosta ci preoccupa davvero quando giungiamo di fronte ad un edificio che sembra esser l’ultimo posto raggiungibile in camper, ma sicuramente non adatto per trascorrere la notte. Un gruppo di uomini sta chiacchierando, si accorge di noi, si avvicina e …a quel punto chiediamo se sanno indicarci dove passar la notte. In un attimo uno di loro sale in macchina e ci fa strada fin su, nel punto più alto. e per di più in un silenzio irreale. Ma non finisce qui. Al mattino alcuni operai stavano aspettando di vedere le nostre finestre aprirsi per iniziare a lavorare …non volevano disturbarci!

Meravigliosa Sicilia! Anche se non avevamo messo in conto, nonostante la nostra pluriennale esperienza, che avremmo dovuto fare – anche noi – i conti con il problema dell’approvvigionamento dell’acqua, e non solo. Avevamo con noi gli elenchi dei camper service e delle aree attrezzate, ma a volte capitano impensabili imprevisti.

Castellammare del Golfo

Castellammare del Golfo

Troppo spesso succede che gli impianti di smaltimento/rifornimento acque per camper vengono abbandonate e così ci si ritrova improvvisamente di tardo pomeriggio, dopo aver visitato il bellissimo tempio di Segesta, a cercare una fontana per riempire il serbatoio (capacità 110 litri!). In Sicilia, ci dicono, l’acqua non abbonda e aver trovato una fontanella su strada è già un vantaggio. Siamo a Castellammare del Golfo, graziosa cittadina, e siamo pronti a inventarci i modi più impensabili pur di rifornirci di acqua, vista la tipologia di rubinetto che mal si presta a collegare il tubo al serbatoio. Cominciamo ad armeggiare con secchio, bottiglia, innaffiatoio: sicuramente diamo un pochino nell’occhio e improvvisamente si ferma un’auto con una coppia a bordo. Ci chiedono se abbiamo bisogno di acqua …sì, praticamente come il pane! Ci dicono di seguirli. Non nego che in un primo momento siamo un po’ scettici, in tanti anni di girovagare non c’era mai capitato prima. Decidiamo di fidarci e li seguiamo. Si apre il cancello di una splendida villa, con un grande giardino. Gentilissimi ci portano fino al tubo collegato al rubinetto, che loro usano per innaffiare e ci invitano a prender tutta l’acqua di cui abbiamo bisogno. Prima di salutarci si raccomandano di far riferimento a loro per qualsiasi cosa ogni volta che passeremo da queste parti …siamo senza parole! Non ricordo il nome del cortese padrone di casa, solo che era un appassionato – ed ex campione – di Go-Kart.

Entusiasti e affascinati da questa meravigliosa e ridente regione, decidiamo di passarci anche il secondo scaglione di ferie ad agosto e, neanche a farlo apposta, una nuova occasione di estrema cortesia.

Brolo

Brolo

Arriviamo a Brolo, una delle località più adatte a trascorrere delle vacanze che non siano solo mare: ricco il programma degli eventi in estate, molto interessante il Castello da cui si gode uno splendido panorama e dove ha sede il Museo della pena e della tortura, grazioso il borgo medievale e tantissime le golosità gastronomiche, come la famosa torta setteveli e i cannoli di ricotta. Dopo tutto ciò, qualche ora in spiaggia non dispiace e così ci avviciniamo al lungomare per trovare un posto dove parcheggiare. Ahimè la pavimentazione del parcheggio ad un certo punto si interrompe e il nostra camper (pesantissimo) si “insabbia”. Non c’è verso di muoverlo! A quei tempi non avevamo ancora scoperto che per districarsi da questi inconvenienti erano utili anche le catene da neve e quindi, essendo estate, non le avevamo con noi. Si accorge delle nostre difficoltà il sig. Angelo (sappiamo solo il nome e la città di provenienza, Messina) che si precipita e ci aiuta con tanta fatica e sacrificando la sua maglietta (si macchia tutto poverino!). Riesce a trovare delle tavole che usa come guide per le ruote del camper affondate nella sabbia. Si sforza incredibilmente per spingere il camper ed aiutarlo a risalire sulle tavole di legno. Trascorre molto tempo tempo prima di riuscire a rimettere su strada il mezzo, anche perchè il legno va letteralmente in frantumi con la potenza delle ruote che cercano di arrampicarsi. Fortunatamente le scheggie non colpiscono nessuno e riusciamo ad uscire dalla “trappola” di sabbia.

Non credo ci siano parole per descrivere questi episodi, tre occasioni per poter asserire senza alcun dubbio la straordinaria accoglienza e l’innegabile altruismo degli abitanti di questo angolo di paradiso …non più troppo “fuori mano” ormai!

I diari di viaggio sul mio sito:

Primo viaggio in Sicilia (giugno 2010)

Agosto, di nuovo in Sicilia (agosto 2010)

 

 

 

C'è ancora da leggere ...

11 risposte a #‎sensomieiviaggi‬, le cortesie dei miei viaggi

  • Che dire? Sono uno più bello dell’altro questi tre aneddoti e scegliere al momento mi è molto difficile. Forse il primo, per il fatto che delle persone non solo vi hanno aiutato e trovare un posto per passare la notte, ma anche per gli operai che hanno ritardato l’inizio della loro giornata lavorativa per non disturbarvi…veramente stupefacente!

    Grazie per il tuo contributo 🙂

    • Grazie a te Francesca, e grazie per la tua splendida idea che ci ha fatto ricordare episodi che meritano memoria e meritano di essere raccontati tanto quanto la descrizione di una tappa di un viaggio! Anche e soprattutto questo fa parte dell’on the road!

  • Belli i tuoi ricordi.
    Davvero gentilissime le persone che hai incontrato.
    Forse in questo mondo ormai pieno di diffidenza ci è difficile pensare che ci siano persone disposte ad aiutare gli altri senza chiedere nulla in cambio ed invece di queste meravigliose persone se ne trovano tante, per fortuna.

    Ciao

    Norma

    • Grazie mille Norma! La tua osservazione fa riflettere sul tipo di messaggi che troppo spesso ci vengono passati dai media. Grazie ancora e un caro benvenuto sul mio blog! A presto!

    • Un’ultima cosa: ho visto il tuo blog! Complimenti! Penso che lo scandaglierò per bene in cerca di idee …sono un’appassionata del bricolage, del fai-da-te, della cucina e del cucito, oltre che dei viaggi!

  • Belli i tuoi episodi! Ma dai siciliani era facile aspettarsi gentilezza e senso dell’ospitlità! Ogni volta che siamo stati in quella splendida regione ho incontrato gente pronta a farsi in quattro per i forestieri.

    • Ciao Alessandra! Grazie per aver letto il mio post e aver visitato il mio blog. Hai proprio ragione sai, avrei altri episodi …diciamo “minori” da raccontare che evidenziano l’accoglienza degli abitanti della Sicilia: sono davvero straordinari.

  • fantastiche le tue “cortesie” io adoro la Sicilia! Un abbraccio SILVIA

    • Grazie Silvia! La Sicilia mi ha conquistato come poche altre regioni …straordinaria terra, straordinari abitanti! Grazie ancora per esser passata di qui carissima! A presto!!!

  • Ciao, hai ragione: la Sicilia è davvero meravigliosa e i suoi abitanti squisiti per gentilezza e accoglienza. Le tue cortesie sono una più bella dell altra!!
    Buona giornata.

    • Grazie cara Luna! Sono episodi che non si dimenticano, ci hanno salvato da situazioni spiacevoli e ne potrei elencare chissà quante altre, perchè ogni tanto me ne torna in mente qualcuna …chissà perchè ..sempre in Sicilia!

Collect moments, not things!

Ultimi articoli

Lewis e Clark: imbarchiamoci per un grande viaggio Imbarchiamoci per un grande viaggio era una serie di cartoni TV che raccontava d...
Kaltenberger Ritterturnier: il torneo cavalleresco... Il Castello di Kaltenber: il proprietario del castello e del parco che lo circon...
Friedberger Zeit, i tempi d’oro di Friedberg La Romantische Straße è uno dei percorsi a tema più famosi e amati dai turisti c...
Il Wallenstein di Memmingen 2016: sarà di nuovo Wallenstein! Un grandioso evento, una rievocazione unica che...
Eggs Benedict: un piatto, una storia Una delle pietanze d'eccellenza dei brunch, e in un brunch che si rispetti si tr...
Parliamone!
La mia passione per il Re:
Organizzare un viaggio in America

Come organizzare un viaggio nel nord America, passo dopo passo, e come programmarla al meglio

scopri di più ....

Un viaggio in camper in America: si può!

Guida alla programmazione, ai preparativi, all'on the road e tanti piccoli (e grandi) suggerimenti per viaggiare in camper in America

scopri di più ....

Viaggi in cerca di fiabe

I percorsi che ci hanno fatto sognare, raccontarli è come rivivere la fiaba: "VIAGGI IN CERCA DI FIABE"

scopri di più ....

Storify: facciamo storytelling!

Un racconto di un giorno, un evento o un riassunto di tanti anni: pezzettini di web per costruire una storia, reale o logica che sia.

scopri di più ....

A caccia di autori

Autore di numerosi libri tra cui "Il Segreto delle tre Ottave", "Lo scienziato del tempio", "Arcimboldo", fino ad arrivare all'ultimo capolavoro che uscirà il prossimo agosto; "Storia dell'architettura sottile"

Un autore tutto da scoprire! Basta un clic!!!

Follow me
Viaggi in camper su Google+
Kiala viaggi - Il Blog su Google+
Let's be instagram friends!

My Instagram latest photos

    Contatori visite gratuiti